Frequently Asked Questions - All FAQs

Please select your question category

Search FAQs
View all frequently asked questions

Prepararsi per una gara di Trail Running seppur a livello amatoriale, significa costruire una solida base costruire una base aerobica, muscolare e tecnica.
Questo vuol dire principalmente rafforzare la cosiddetta resistenza aerobica sulle corse “fuori strada” o, in mancanza di terreni sterrati, ingegnarsi con tavole di oscillazione e rulli di gomma piuma per simulare i tratti non regolari.
Al contrario della corsa classica è necessario anche lavorare sulla forza muscolare per poter sopperire ai diversi tipi di fatiche da affrontare, ad esempio le salite e le discese.

Il trail running, specialmente quello di montagna, vive di continui saliscendi, che richiedono un atteggiamento e regole molto diverse per poterle affrontare in modo migliore.
È sempre meglio camminare in salita che provare a correre, mentre per la discesa è necessaria una fortissima concentrazione e un’istantanea reattività.

Il fattore psicologico è importante tanto quanto quello fisico e atletico.
Bisogna essere umili e pronti per gli imprevisti che ti possono capitare, che nel caso del trail running sono sempre dietro l’angolo.
Saper gestire un imprevisto significa innanzitutto saper gestire sé stessi: per questo si parla sempre più spesso di resilienza ovvero la capacità di resistere alle avversità mantenendo la motivazione elevata verso un obiettivo.

Le scarpe nel trail running sono fondamentali, in quanto devono essere resistenti e capaci di grip (aderenza) in ogni tipo di terreno.
Ma una delle cose più importanti è senza dubbio uno zaino con il contenuto necessario per ogni evenienza: cibo e riserve idriche, pila elettrica, fischietto di soccorso, cellulare, bastoncini, occhiali da sole, orologio con altimetro, ma anche coperta termica, giacca antipioggia e maglia a maniche lunghe, perché il meteo e le situazioni atmosferiche in montagna rischiano di cambiare improvvisamente.

Per la maggior parte dei partecipanti di una gara di trail o sky running non è così importante la classifica finale di arrivo.
Spesso infatti accade che chi arriva per ultimo viene quasi più acclamato rispetto ai primi. 
È importante impegnarsi e divertirsi: quel che conta è l’esperienza che si vive, nell’affrontare le salite, le intemperie e gli eventi inattesi.
Come avrete capito anche voi, il trail running è praticamente la summa del concetto Everyday climber.

percorsi segnalati proposti all’interno dell’arena Bardonecchia Stazione Trail rappresentano un’opportunità e una sfida per coloro che amano correre in ambiente naturale. 

diversi livelli di difficoltà, dall’entry level Urban (colore verde), che permette di non perdere mai di vista la cittadina, fino a quello High (colore nero) che conduce in alta montagna, passando dal livello Medium (rosso), con uno sguardo dedicato alla Conca di Bardonecchia, disegnano un habitat allenante tutto da scoprire.

Parallelamente, ai sempre più numerosi amanti dell’ Only Up sono dedicati i percorsi Vertical (colore blu), uno dei quali, con partenza dal Rifugio Scarfiotti, nel Vallone di Rochemolles, conduce fino alla non indifferente quota dei 3330 metri della vetta del Sommeiller.

Indicazioni in verde e  bianco – rosso (GR)

Percorso molto frequentato, si sviluppa sul Sentiero delle Rose (passeggiata del Canale) e lungo la Vie du Vio per rientrare in zona Campo Smith.

Lungo il rientro al punto di partenza, si passa davanti al Palazzo delle Feste.

Punti acqua sul Sentiero delle Rose e in Bardonecchia.

Fruibile nei due sensi, è tracciato in senso antiorario.

Solo il sentiero delle Rose è percorribile (prestando attenzione) durante l'inverno. 

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia-urban/bst-urban-vie-du-vio

Indicazioni in verde e  bianco – rosso (GR)

Percorso che si sviluppa principalmente sul Sentiero del Paradiso e sul Sentiero delle Rose (meglio conosciuto come la passeggiata del Canale) attraversando le borgate Melezet e Les Arnauds e che, data la sua esposizione a Est, propone un punto di osservazione atipico sulla Conca di Bardonecchia.

Percorribile nei due sensi (solo il sentiero delle Rose è percorribile, prestando attenzione, durante l'inverno) è tracciato in senso antiorario.

Piccoli tratti esposti e attrezzati sul Sentiero del Paradiso.

Punti acqua nelle borgate e sul Sentiero delle Rose

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia-urban/bst-urban-paradiso

Indicazioni in rosso e bianco – rosso (GR)

Percorso molto corribile che si sviluppa fra i 1800 e i 2000 metri di quota sulle pendici dello Jafferau.

La partenza dell'anello è prevista in Regione Fregiusia (tappa di arrivo del Giro d'Italia 2013 e 2018) raggiungibile a piedi, in auto (seguire indicazioni per Le Gleise) e, in orari e periodi di apertura, con la cabinovia dello Jafferau.

L'andata segue la sede della Decauville, ferrovia a scartamento ridotto utilizzata per trasportare il materiale di costruzione della diga di Rochemolles.

Il ritorno segue invece il percorso del Gran Bea (il gran canale) utilizzato in antichità  per portare l'acqua dal Vallone di Rochemolles alle borgate sul fianco Ovest dello Jafferau.

Il percorso, fruibile nelle due direzioni (non durante la stagione invernale) è tracciato in senso antiorario.

È possibile trovare acqua al bar in zona partenza e nella borgata Brue nella fase di ritorno.

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-medium-rosso/bst-medium-decauville

Indicazioni in rosso e bianco – rosso (GR)

Percorso divertente e molto aperto con partenza prevista ai 1800 metri di località Chesal raggiungibile dalla frazione Melezet (1400 mt.) a piedi e, quando in funzione, con la seggiovia.

Il tracciato parte in piano in direzione ovest per raggiungere il sentiero che, passando attraverso le Grange Teppa e Guiaud, raggiunge il Col des Acles sulla frontiera francese.

Da qui piega a destra in direzione est e raggiunge il Passo della Mulattiera (2400 mt. circa) dove il panorama si apre sulla conca di Oulx sul cui territorio la traccia prosegue fino a raggiungere Punta Colomion.

Da qui la discesa continua tornando sul lato Bardonecchia e alla zona di partenza.

Il percorso, fruibile nelle due direzioni (non durante la stagione invernale) è tracciato in senso antiorario.

È possibile trovare acqua al bar in zona partenza, al bar Punta Colomion e alle Grange Teppa.

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-medium-rosso/bst-medium-colomion

Indicazioni in nero e bianco – rosso (GR)

Percorso molto bello e molto impegnativo con partenza e arrivo nella parte alta di Bardonecchia.

La traccia segue, nei primi 900 metri di dislivello, fino alla Croce Chabriere, il percorso Vertical 1.

Da questo punto resta in cresta, con un percorso aereo (prestare attenzione!) fino al Passo di Rocce Verdi (2.800 mt).

La vista sul sottostante villaggio di Rochemolles è meravigliosa.

Si piega, da qui, a sinistra in direzione del Colle del Frejus attraversando tutto il Vallone del Pian delle Stelle.

Il sentiero  è piuttosto corribile ma molto esigente in fatto di attenzione.

Raggiunto il sentiero che scende dal Colle del Frejus, si piega ancora a sinistra e, lungo il Vallone del Frejus, si rientra al punto di partenza.

Il percorso, fruibile nelle due direzioni (non durante la stagione invernale) è tracciato in senso antiorario.

L’acqua si trova solo dopo il km 16, importante portarne!

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-high-nero/bst-high-carnino

Indicazioni in nero e bianco – rosso (GR)

Anche questo percorso, come l’HIGH 1, è molto impegnativo e molto interessante dal punto di vista della corsa in alta montagna.

La partenza è al Pian del Colle (1.450 mt) e dopo poco la salita diventa importante e ripida, si va in direzione del Colle della Scala e ci si arrampica fino ai 2.250 metri.

Da qui il percorso segue la linea di frontiera con la Francia e diventa bellissimo con un uno sguardo sulle montagne del vicino Delfinato.

Affascinante il passaggio vicino al Torre di Barabbas.

Con una corta discesa e i seguenti piano e salita ci si avvicina al Col des Acles (percorso in comune con MEDIUM 1) per poi raggiungere il Passo della Mulattiera (2.400 mt).

Da qui, seguendo la cresta si raggiunge (km 12) l’inizio di una lunga discesa che ci riporta in zona partenza.

Il percorso, fruibile nelle due direzioni (non durante la stagione invernale) è tracciato in senso antiorario.

Importante ricordare che si trova acqua solo in località Chesal (km 13.8 circa)!

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-high-nero/bst-high-barabba

Indicazioni in blu e bianco – rosso (GR)

Percorso di sola salita, molto semplice che parte dalla parte alta di Bardonecchia, segue la cresta della Melmise e raggiunge il suo vertice alla Croce della Chabriere.

La discesa può avvenire sullo stesso percorso o seguendo la mulattiera che scende in direzione delle Grange Chaffaux.

Acqua solo in zona partenza.

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-vertical-clu/bst-vertical-chabriere-bardonecchia-trail-running

Indicazioni in blu e bianco – rosso (GR)

Percorso di sola salita, molto semplice che parte dalla parte alta di Bardonecchia (vicino alla Chiesa), sale su sentiero nel bosco e raggiunge il suo vertice in località Tre Croci da dove si ha una stupenda vista su Bardonecchia.

La discesa può avvenire sullo stesso percorso o seguendo la mulattiera che scende dalle Quattro Sorelle.

Acqua solo in zona partenza.

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-vertical-clu/bst-vertical-punta-nera

Indicazioni in blu e bianco – rosso (GR)

Superba salita che partendo dal Borgo Vecchio di Bardonecchia, attraversa le Grange Rho, scende nel letto del torrente e risale in ambiente dolomitico fino a raggiungere la vetta (3.000 mt) di Punta Nera da dove la vista si apre a 360 gradi sulle montagne italiane e su quelle francesi della Vanoise.

La discesa segue il percorso di salita almeno fino alla Caserma del Pian dei Morti da dove si può scegliere di scendere agevolmente sulla sterrata per Bardonecchia.

Acqua in partenza e alle Grange Rho.

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-vertical-clu/bst-vertical-punta-nera

Indicazioni in blu e bianco – rosso (GR)

Salita per amanti dell’alta montagna.

Si parte dal Rifugio Scarfiotti (2165 mt), raggiungibile seguendo una parte della strada sterrata più alta d’Italia, Bardonecchia – Sommeiller.

Si sale immediatamente, passando vicino a cascate e torrenti e raggiungendo prima il Pian dei Morti e poi il Pian dei Frati.

Da qui il sentiero sale, in uno scenario molto minerale di alta montagna, fino ai 3330 metri della vetta del Sommeiller!

La discesa segue il percorso di salita o può avvenire, dal Pian dei Frati, su strada fino al Rifugio dove mangiare una buona polenta.

http://www.trailstations.com/index.php/italia/i-percorsi-trail-running-bardonecchia/percorsi-trail-running-bardonecchia-vertical-clu/bst-vertical-sommeiller

No faqs found in this category

Contattaci

Please prove you are human!

About us

BARDONECCHIA STAZIONE TRAIL RUNNING

Mob: +39 339 5483 333
E-mail: info@sge20.com
Web site: www.sge20.com

 

facebook_page_plugin